Google Analytics: teniamo sotto controllo le visite al nostro sito

Monitoriamo il traffico del nostro sito web con uno strumento potente: Analytics

Analytics Monitoraggio Siti WebSapere quante visite il nostro sito web riceve mensilmente, settimanalmente o giornalmente è un fattore importante per capire chi ci visita e da che posizionamento geografico arrivano i contatti al nostro sito web.
Riuscire a comprendere appieno il target della nostra clientela é quindi estremamente importante per aumentare le visite al nostro sito web. Analytics ci viene in aiuto fornendo innumerevoli tools che possono fare al caso nostro.

Andiamo ora a vedere in dettaglio le potenzialità derivate dall’utilizzo di uno strumento potente come Google Analytics.

La Panoramica

Appena entriamo in Analytics la prima pagina di default che ci viene proposta è quella della Panoramica. Subito a colpo d’occhio riusciamo ad avere le informazioni più interessanti che di primo acchito ci danno il trend del nostro sito in rete.

Analytics panoramica iniziale
Panoramica iniziale di Google Analytics

 

Vediamo in dettaglio cosa possiamo capire dai dati presentati:

  1. questo è il numero degli utenti unici che hanno raggiunto il nostro sito web nel lasso di tempo da noi stabilito.
  2. questo è il numero degli utenti totali, che hanno fatto anche più visite al nostro sito, che ci hanno raggiunti nel lasso di tempo stabilito
  3. indica il numero di pagine visitate per sessione, quindi dagli utenti totali (2), e indica spesso il coinvolgimento dell’utente sul nostro sito o quanto è interessante il sito a livello di contenuti proposti
  4. è il numero di pagine visualizzate sul nostro sito. E’ comunque un fattore importante e si aggancia al punto (3) dandoci un valore numerico dell’interesse degli argomenti trattati o anche della qualità delle notizie che troviamo all’interno del sito web
  5. vien da se che la durata media della visita vuol dire tutto o niente in quanto possiamo stare su di un sito ma non leggerlo effettivamente, vuoi per tempi morti o perché abbiamo più tab aperte sul nostro browser. In linea di massima però da anche un valore su quanti entrano e poi escono. Spiegheremo dopo il perché
  6. non è altro che la percentuale dei nuovi visitatori sul totale delle sessioni
  7. questo è un aspetto molto importante: è la percentuale di visitatori che non vanno oltre la prima pagina su cui sono arrivati. Ciò indica che entrano ma non esplorano il sito, si limitano a guardare una pagina e poi uscire. Vien da se che più la frequenza di rimbalzo è bassa migliore è la qualità del nostro sito web e maggiore interesse esso genera nel visitatore

 

In linea di massima quindi possiamo dire che il numero di utenti singoli (1) non è l’unico fattore da prendere in considerazione, bisogna combinare il numero di utenti unici, il numero di sessioni e soprattutto la frequenza di rimbalzo. Questa come dicevo prima è collegata anche al tempo medio di sessione (5), infatti è presumibile che con una media di sessione alta ma con una frequenza di rimbalzo elevata vi siano solo pochissimi utenti che hanno passato del tempo, per noi di qualità, sul sito web.

Dati demografici e sviluppo sul territorio

Capire quante persone ci visitano è importante, ma è ancora più importante da dove arrivano. Se la nostra attività si sviluppa sul territorio dell’emilia-romagna ma le visite arrivano prevalentemente da altre regioni abbiamo un problema. Ecco che tramite l’analisi del targeting regionale possiamo intervenire sul SEO del sito per posizionarlo in maniera più consona alla nostra esigenza demografica.

Analytics dati demografici
Dati demografici su Google Analytics

 

Oltre a questo aspetto possiamo anche fare altre considerazioni. Esempio i browser più utilizzati e quindi ottimizzare il layout del nostro sito per questi browser. Vedere a che risoluzione viene visto il nostro sito e quindi intervenire per migliorarne la fruibilità. Quindi abbiamo un ampia casistica di informazioni che ci consente di valutare al meglio gli eventuali interventi che faremo sul nostro sito web.

Andiamo più nel dettaglio

Sulla sinistra riusciamo a cogliere informazioni preziose che troviamo principalmente nella sezione “Comportamento” e che possono darci un’idea ben precisa di cosa interessa di più i nostri utenti e dove andare ad intervenire su quelle pagine poco o mai visitate.

Analytics comportamento basic
Sezione Comportamento di Analytics

 

A mio avviso la sezione pagine di destinazione (landing pages) è quella più interessante, ci da un valore real su come l’indicizzazione proceda e su quali pagine nella ricerca su Google possano dimostrarsi valide per l’atterraggio del vistatore e per promuovere i contenuti del sito web.
Un’altro elemento di sicuro interesse è la pagina di uscita del sito web, questa garantisce la conoscenza effettiva dell’abbandono del nostro sito web. In linea di massima quindi possiamo capire se, per esempio, ci lasciano dalla pagina dei “contattaci” oppure dalla home page. Nei due casi è evidente la differenza qualitativa.
Va anche notato un fattore che reputo chiave ed è il flusso di comportamento dei nostri visitatori.

Flusso comportamento analytics
Il Flusso di comportamento dei nostri visitatori

 

In questo modo abbiamo un dato interessante che è il tasso di abbandono per le singole pagine e oltre a questo vediamo anche in linea di massima il percorso logico che i nostri visitatori adottano sul nostro sito web.

In conclusione

Analytics, dopo questa breve carrellata delle sue caratteristiche di base, risulta già essere  un valido strumento per analizzare al meglio i contatti che riceviamo sul nostro sito web. In linea generale l’argomento è molto più ampio e sarà trattato prossimamente su altri articoli tecnici.
Il consiglio comunque che mi sento di fornirvi è di utilizzare e installare sul vostro sito web questo strumento altamente versatile e di sicura utilità.

Post Correlati

Comments (1)

[…] ottenere un dato strutturato con i relativi confronti (che spiego in questo articolo) dobbiamo spostarci sul bottone  per aggiungere una nuova vista. Nel mio caso ho voluto tenere […]

Leave a comment

3 × 3 =