Social Network: istruzioni per l’uso

Come utilizzare al meglio i social network sui nostri siti web

Social MediaQuante volte, navigando in internet, abbiamo visto le icone delle pagine sociali che reindirizzano ai social network del sito web? Ormai è prassi comune inserire tutti i collegamenti con Facebook, Twitter, Google+, Pinterest, YouTube, Flickr e quant’altro. Andiamo a vedere in dettaglio come ogni social possa aiutare l’indicizzazione del nostro sito web ed in che modo.

 

Facebook

Social network per eccellenza, Facebook in italia è posizionato al primo posto come utilizzo. Vantando milioni di utenti giornalieri solo in Italia è un ottimo bacino da cui attingere contatti per il nostro sito web.
Ovviamente per sfruttare al meglio il social di Zuckerberg non basta avere un profilo privato ma se vogliamo sfruttare al meglio le sue potenzialità dobbiamo creare pagine fan altamente strutturate e tipicizzate per la nostra attività online. Andando a questo indirizzo possiamo iniziare con la creazione della nostra fan page che risulta estremamente semplice. Per prima cosa dobbiamo capire cosa pubblicizza o cosa tratta la nostra fan page, possiamo scegliere tra diverse opzioni (vedi Fig. 1): impresa locale, azienda, brand oppure artista o personaggio pubblico. A noi interessano le prime tre.

Creazione Fanpage Facebook
Fig. 1

Quando abbiamo creato la nostra pagina in funzione della tipologia (basterà clikkare su ogni categoria per capire quale fa al caso nostro) possiamo iniziare a sistemare tutti gli aspetti della pagina. Il vantaggio principale dell’utilizzazione della fan page risiede nella sua fruibilità anche se l’utente non è nostro amico di facebook. Un altro aspetto interessante è che non ha limitazioni di interazioni sociali come il profilo che è limitato a massimo 5000 contatti. La fan page è infatti slegata ed autonoma da questo punto di vista e possiamo avere quanti mi piace riusciamo ad ottenere.
Come ottenerli? Innanzi tutto, dopo aver sistemato le informazioni di pagina correttamente, possiamo invitare tutti gli amici del nostro profilo reale a clikkare mi piace cercando di viralizzare così la nostra pagina fan. In secondo luogo tramite le inserzioni a pagamento possiamo pubblicizzare la pagina, e quindi far conoscere il nostro brand, agli utenti facebook che possiamo selezionare in base al sesso, al luogo di residenza e al target d’età. Quindi abbiamo uno strumento potente per diffondere la nostra pagina e quindi il nostro brand nella rete sociale di Facebook. A questo proposito possiamo scegliere di sponsorizzare un singolo post oppure cercare di aumentare i mi piace in rete creando una campagna ad hoc.
Altro aspetto interessante è la possibilità di interfacciare Twitter con facebook così che ogni volta scriviamo un post parta anche un tweet dal nostro account Twitter. Come si evince la pluralità di opportunità che Facebook, con le sue Fan Page, ci offre è immenso.

Google+

Secondo solo a Facebook per contatti, Google+ dovrebbe essere la risposta del gigante di Mountain View al mondo variegato dei Social Network. Più semplice e, per certi aspetti, ancora acerbo il social di Google sta rapidamente acquisendo sempre più consensi dagli utenti italiani. In linea generale se si dispone già di gmail si è praticamente iscritti. Andando a questa pagina possiamo loggarci tramite user e password di gmail altrimenti possiamo fare un account ex novo. Il vantaggio maggiore per il nostro sito web è che i contenuti che condividiamo possono essere pubblici e quindi rintracciabili dai motori di ricerca. Anche in questo caso possiamo definire le informazioni nostre e della nostra attività per diffondere in maniera più o meno virale informazioni e promozioni per il nostro sito e lavoro. Strumento imprescindibile per un sito web se non altro per il fatto che è un prodotto Google.

Twitter

Negli stati uniti è molto utilizzato, in Italia il suo appeal è basso e spesso, per un popolo logorroico come il nostro, è stretto nella distribuzione di contenuti. Diciamo che Twitter è un po’ come tornare agli albori del GSM con SMS da massimo 160 caratteri (in realtà qui ne abbiamo 140). L’aspetto interessante però sta nei tag che inseriamo, per esempio #programmazioneAsp.NET, così da farsi trovare da chi è interessato a specifici argomenti. Come detto in precedenza agganciando Twitter a Facebook e LinkedIn tramite l’apposita schermata (vedi Fig. 2). La principale funzione del tweet, a mio avviso, per un sito web è diffondere da parte dei reader informazioni della tua pagina in maniera rapida, veloce e virale.

Abilitare App su Twitter
Fig. 2

Pinterest

Nato da poco, in Italia non ha ancora preso piede. E’ un sociale molto particolare. Tramite Pinterest infatti possiamo diffondere immagini, video o fotografie. Possiamo dividerle in bacheche tematiche e l’aspetto più interessante per il nostro sito web è la provenienza dei Pin che gli utenti segnalano. Mi spiego meglio: sono un negozio di abbigliamento e vendo abiti da sera, se un utente che sta visionando un capo d’abbigliamento che gli piace sul mio sito tramite il bottone “Pin It” aggiunge l’immagine del vestito alla sua bacheca in automatico comparirà anche l’url di provenienza e chi segue l’utente sul social potrà andare a vedere direttamente l’abito alla pagina web del mio sito.
Quindi possiamo dire che riusciamo a viralizzare anche con questo sito un particolare link.

LinkedIn

Diverso da tutti gli altri Social questo potrebbe di fatto comparire nella categoria professionale dei social. Nato per proporsi in un network di impatto per chi vuole proporsi ad aziende o per le aziende che vogliono trovare nuovi partner, LinkedIn è di fatto uno strumento utile per qualificare ulteriormente la propria figura professionale intessendo rapporti virtuali per farsi conoscere tramite anche le esperienze lavorative che possiamo inserire nel nostro profilo.

Tralascio altri social che reputo meno utili per la maggior parte dei siti web, anche se possono comunque risultare utili in argomenti specifici. Se avete qualche curiosità o volete proporre qualche altro social network non esitate!

Post Correlati

Leave a comment

2 × uno =